PASTORALE FAMILIARE

Condividi su:   Facebook Twitter Google

 

Per “Pastorale Familiare” Si intende l’azione che la Chiesa volge alla famiglia,per generarla e costituirla in chiesa domestica, affinchè viva per sé e per la comunità, la vocazione e il dono-missione ricevuto nel sacramento del matrimonio “ (Murano). In altre parole, per i nostri gruppi, si tratta di un cammino proposto in seno alla comunità parrocchiale per coppie che desiderano approfondire le ragioni della loro vita coniugale, della loro fede cristiana e del loro impegno ecclesiale. I gruppi famiglia, infatti, vogliono essere l’espressione completa di un cammino condiviso nella prospettiva delle responsabilità genitoriali, della maturazione coniugale e della formazione di una spiritualità familiare.

LA FAMIGLIA.. PILASTRO DELLA SOCIETA’

Tra i “tanti problemi che mettono alla prova una famiglia”, Papa Francesco oggi in udienza in piazza San Pietro ha analizzato quello della povertà, rivolgendo in un primo momento il suo pensiero alle tante famiglie “che popolano le periferie delle megalopoli, ma anche alle zone rurali”. Ad aggravare la situazione, ha aggiunto il Papa, “in alcuni luoghi arriva anche la guerra”, “madre di tutte le povertà”, che “impoverisce la famiglia” ed è “una grande predatrice di vite, di anime, e degli affetti più sacri e più cari”. Francesco ha evidenziato come, nonostante tutto, vi siano “tante famiglie povere che con dignità cercano di condurre la loro vita quotidiana, spesso confidando apertamente nella benedizione di Dio”. In questo senso “è quasi un miracolo che, anche nella povertà, la famiglia continui a formarsi, e persino a conservare – come può – la speciale umanità dei suoi legami. […] Noi dovremmo inginocchiarci davanti a queste famiglie, che sono una vera scuola di umanità che salva le società dalla barbarie”.

L’economia odierna, “spesso specializzata nel godimento del benessere individuale”, secondo Papa Francesco “pratica largamente lo sfruttamento dei legami famigliari” tanto che “l’immenso lavoro della famiglia non è quotato nei bilanci” anche se “la formazione interiore della persona e la circolazione sociale degli affetti hanno proprio lì il loro pilastro”. In quanto cristiani, “dovremmo essere sempre più vicini alle famiglie che la povertà mette alla prova”, quando la famiglia soffre e “i legami si indeboliscono”. Ai fattori materiali, ha proseguito Francesco, “si aggiunge il danno causato alla famiglia da pseudo-modelli, diffusi dai mass-media basati sul consumismo e il culto dell’apparire, che influenzano i ceti sociali più poveri e incrementano la disgregazione dei legami familiari”. La Chiesa, che “è madre”, “non deve dimenticare questo dramma dei suoi figli” e anch’essa, ha detto il Papa, “dev’essere povera, per diventare feconda e rispondere a tanta miseria. Una Chiesa povera è una Chiesa che pratica una volontaria semplicità nella propria vita – nelle sue stesse istituzioni, nello stile di vita dei suoi membri – per abbattere ogni muro di separazione, soprattutto dai poveri. Ci vogliono – ha concluso – la preghiera e l’azione”. (Papa Francesco)

LINK AL SITO DELL’UFFICIO NAZIONALE PER LA PASTORALE DELLA FAMIGLIA

LINK AL DOCUMENTO PREPARATORIO AL SINODO SULLA FAMIGLIA DEL 2015

LETTERA A CHI CREDE NELLA FAMIGLIA

 

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Parrocchia Immacolata Concezione Portici © 2015 All Rights Reserved