Un sogno diventato realtà!

Condividi su:   Facebook Twitter Google

 

Quando ci si mette nelle mani del Signore veramente, si diventa “utili” davvero e la Grazia sgorga foriera in noi e intorno a noi.
Solo da Lui, il Sommo Bene, tutto il Bene scaturisce e in Lui ogni cosa sa diventare buona. Ogni onore e ogni ringraziamento a Cristo Gesù, quindi, per quanto è stato fatto in questi mesi nel Suo Nome e per la Sua Gloria soltanto.
Questa domenica a riunirci c’è un motivo in più, quello che ha portato oggi a celebrare con Lei, ‪Em.za‬ Rev. ma Crescenzio, amato pastore, un momento di grande gioia e commozione. Il Signore ha ispirato al suo cuore di padre la mia medesima speranza e fiducia in questo progetto, e come la mia, quella di noi tutti qui riuniti.
Un sogno, un progetto nato nel cuore di questo povero parroco un anno fa, circa. Come tutti i sogni, s’è rivelato subito come una sfida. I tanti problemi, sia pastorali che economici, sembravano volerlo come poco più di un dolce sogno. Pareva proprio senza un domani. Restava uno di questi desideri che ti accarezzano il sonno, ma da dimenticare al risveglio.
E così, Gesù, hai scavato nel mio sogno per renderlo “nostro”. Hai guardato più lontano di me e hai preparato ‪la strada‬ da percorrere per la sua realizzazione. Hai cucito una trama alla quale solo tu potevi pensare e hai spostato i fili di una storia che non è mai “già segnata” se non nel Tuo nome. E allora grazie Signore, per le persone buone che mi hai permesso d’incontrare. Grazie a chi ci ha creduto insieme a noi. Gloria a te per Paola Grimaldi e la sua Fondazione Grimaldi: i primi sostenitori di questa nostra piccola grande opera.
Ho un ricordo vivissimo dei primi contatti con il caro direttore dottor Marciani e le tante serate trascorse con molti, in particolare Giuseppe, a meditare e cercare di rendere presentabile un sogno che era solo nella mia mente: sapete, non è facile tradurre i sogni in fatti!
Grazie Signore, per l’amico Salvatore Fiengo che ha regalato le parti in pietra della Cappella della Risurrezione. Grazie Signore, e tu solo sai che non esiste una speciale gerarchia in questi ringraziamenti, per i tantissimi che hanno dato generosamente il loro contributo. Grazie per l’architetto Raffaele Alfieri e per Pina Santomartino che ci hanno seguito nella fase di progettazione. Per i miei cari Pasquale Scognamiglio e il mitico Peppe Penna che ieri era ancora qui, a lavorare perché tutto fosse pronto e bello! Grazie Signore per tutti coloro di cui mi hai circondato. Grazie per chi mi è stato vicino da lontano, grazie per chi ha pensato e chi ha disegnato la vetrata della cappella, grazie per chi ha pregato per tutto questo e per me. Per i giovani e meno giovani che ci stanno aiutando in questa celebrazione, per il seminarista Domenico, il diacono Antonio – per il quale preghiamo in maniera particolarmente speciale data la sua delicata salute – per i due ragazzi del propedeutico, Salvatore e Marco, per i ministranti, gli accoliti, il coro dei giovani e dei ragazzi. Per gli uomini del
Gruppo San Matteo, che oggi come custodi del tempio ci aiutano nel servizio d’ordine.
Sa Em.za, in questi giorni è stato davvero commovente osservarli: tutta la parrocchia all’opera per la sua graditissima visita!
Grazie alle donne del gruppo Marta e Maria, ai loro mariti, alle famiglie del gruppo Zelia e Luigi Martin, tutti hanno reso visibile la bellezza di Dio in mezzo a noi e hanno allietato fino al limite del compiacimento, il mio cuore di pastore: come si fa a non credere all’amore di Dio di fronte a tanta bellezza!? È proprio vero, “la gloria di Dio è l’uomo vivente” come scriveva sant’Ireneo. (Don Gianluca Coppola)

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Parrocchia Immacolata Concezione Portici © 2015 All Rights Reserved